Sabato 10 Dicembre 2016 | 09:47

MINIBOND GARANTITO DA FORME DI PARMIGIANO REGGIANO

Arriva da un’azienda modenese il primo minibond garantito da forme di Parmigiano Reggiano


Parmigiano Reggiano come bene di rifugio, rispetto ai capricci delle Borse. Fa notizia la scelta del caseificio modenese 4 Madonne di assicurare, con circa 20 mila e 700 forme di Parmigiano reggiano da 40 chili l’una, il proprio prestito obbligazionario. Nelle casse dell’azienda del nostro territorio, grazie a questa operazione sono finiti 6 milioni di euro, da restituire entro il 2022 con un interesse annuo del 5 per cento. Una cifra importante che secondo la proprietà del caseificio, in Banca non avrebbero mai visto. E nel caso di mancato pagamento? E’ presto detto: i sottoscrittori saranno risarciti in Parmigiano Reggiano Dop. L’azienda  produce 75.000 forme all’anno, conta più di 45 dipendenti e copre quasi il 2% della produzione di Parmigiano Reggiano mondiale. Nel 2014 il giro d’affari si è attestato a 24 milioni di euro. Sul perché di questa scelta, il motivo principale, riguarda la necessità di dover pagare subito fornitori e dipendenti ma aspettare mesi di stagionatura per incassare. I fondi derivanti dall’emissione delle obbligazioni verranno utilizzati a supporto del piano di valorizzazione ed espansione commerciale del prodotto. Solitamente queste aziende alimentari sono finanziate da banche, ad esempio come Credem o Bper che in pegno però ottengono Forme di Parmigiano da conservare in appositi magazzini. La scelta della cooperativa 4 Madonne, è stata invece opposta: non far passare il finanziamento dalle banche. Il minibond, che l’impresa può offrire direttamente agli investitori, con tassi più vantaggiosi, è una novità poco diffusa in Italia, mentre all’estero è uno strumento già consolidato, soprattutto nel Regno Unito.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche