Sabato 10 Dicembre 2016 | 13:40

SETA: I CONTROLLORI SARANNO DOTATI DI VIDEOCAMERA ANTI-AGGRESSIONE

“Ipotesi al vaglio: sperimentazione certa nel 2016”. Intanto, l’azienda brinda all’utile, ma sul futuro restano le ombre. E la concorrenza dei privati fa paura


Presto Seta doterà i controllori del biglietto dell’autobus di una mini-videocamera da attivare in caso di pericolo. Ad annunciarlo è il direttore generale dell’azienda, Roberto Badalotti, dopo i ripetuti episodi di aggressione subiti negli ultimi tempi dagli accertatori. L’ipotesi della body-cam è in fase di valutazione, ma già entro quest’anno si procederà con la sperimentazione.

Annullato, o almeno rinviato per il momento, è, invece, l’utilizzo dei sistemi satellitari per il telecontrollo sull’attività degli autisti: novità fortemente osteggiata dai sindacati. Decisiva la mediazione della Prefettura, con le sigle che hanno ritirato il previsto sciopero di protesta.

Intanto, Seta ha presentato i risultati di bilancio del 2015: l’azienda di trasporto pubblico locale archivia l’esercizio con 3 milioni di euro di utile, che saranno utilizzati a copertura delle perdite degli anni scorsi. Il risultato è stato raggiunto in particolare grazie a tre fattori: l’erosione di un fondo accantonato, i prezzi favorevoli del gasolio e l’aumento dei ricavi generato a sua volta dall’incremento dei passeggeri. Nonostante questo, restano pesanti ombre sul futuro: a fine anno ci si gioca il rinnovo dei contratti di servizio sui tre bacini di Modena, Reggio e Piacenza e i soldi scarseggiano per i continui tagli di risorse dallo Stato. Seta teme l’agguerrita concorrenza dei privati.

Infine, resta il problema delle tariffe sugli abbonamenti, sensibilmente diverse tra Modena, Reggio e Parma. Seta annuncia che entro l’estate il problema sarà risolto con una armonizzazione: prezzi uguali per tutti e tre i bacini.

Ai nostri microfoni Roberto Badalotti, Direttore generale Seta e Vanni Bulgarelli, Presidente Seta

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche