Venerdì 09 Dicembre 2016 | 10:40

SASSUOLO, SCONFITTA CON BEFFA CONTRO LA ROMA

Continua il momento nero del Sassuolo, che ieri sera al Mapei Stadium è stato sconfitto dalla Roma. È finita 2-0 per i giallorossi, ma a 3 minuti dal 90’ Berardi ha fallito il rigore del possibile 1-1


Ai piedi dei faraoni. Il Sassuolo è caduto sotto i colpi di Salah ed El Shaarawy nell’anticipo della 23ª giornata, rimediando la seconda sconfitta casalinga consecutiva. Un dato, quest’ultimo, che fa già riflettere sul momento critico dei neroverdi, perché fino al ko di 10 giorni fa con il Bologna Magnanelli e compagni non avevano perso una gara al Mapei Stadium negli ultimi 9 mesi. La sconfitta più vicina, guarda caso, risaliva alla sfida dello scorso 29 aprile con la Roma, che ieri sera si è confermata autentica bestia nera per il Sassuolo: in 3 gare giocate a Reggio Emilia ha conquistato altrettante vittorie, segnato 7 reti e mantenuto sempre la propria porta inviolata. Bestia nera è anche quel Mohamed Salah che un anno fa battezzò il suo debutto da titolare in Italia proprio con un rete al Mapei Stadium contro i neroverdi. Il Messi d’Egitto ha dato un dispiacere alla formazione di Di Francesco anche ieri, così come nella sfida d’andata, con un gol ad inizio gara di pregevole esecuzione dal limite dell’area, osservato troppo timidamente da Peluso e Acerbi. I primi 45 minuti sono stati tutti, o quasi, di marca giallorossa, davvero parsi una nuova squadra con Spalletti rispetto a quella che arrancava con Garcia. Uno spunto qua e là, invece, per un Sassuolo mai così “spuntato”, dove anche il neoacquisto Trotta ha pagato l’emozione del debutto da titolare in una sfida così importante. La Roma ha avuto l’occasione per raddoppiare, sprecando soprattutto con Salah, poi intorno al quarto d’ora della ripresa è precipitata a livello atletico, lasciando spazio all’assalto all’arma del Sassuolo che a 3 minuti dalla fine avrebbe dato a Berardi la possibilità di riportare il risultato in parità, se il gioiellino neroverde non avesse sparato alle stelle il rigore giustamente concesso dall’arbitro Calvarese per fallo di Nainngolan, poi espulso per doppia ammonizione, ai danni di Pellegrini. Fallito l’1-1, i neroverdi non hanno tirato i remi in barca, riprovandoci anche disordinatamente e con Consigli nell’area avversaria, ma all’ultima azione, proprio come era accaduto contro il Bologna, la Roma ha messo il sigillo sul match: intervento in anticipo di Perotti su Magnanelli, palla a centro area e seconda rete consecutiva in campionato del faraone Stephan El Shaarawy. Il Sassuolo esce a testa alta, ma la sua crisi è ormai evidente e certificata dai numeri: 1 vittoria nelle ultime 8 partite è il dato più eloquente

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche