Domenica 11 Dicembre 2016 | 03:07

RINNOVATA LA TRADIZIONE DI SAN GEMINIANO

Tra sacro e profano si è rinnovata la tradizionale cerimonia ufficiale del Santo Patrono: San Geminiano tra messa solenne e bancarelle


Nel segno della tradizione e dell’ufficialità, con una strizzata d’occhio al commercio ed alla gastronomia in un mix tra sacro e profano che da sempre riempie il centro storico modenese. Si è rinnovata anche questa mattina la tradizionale cerimonia ufficiale che da sempre accompagna la Festa di S.Geminiano tra valletti in livrea gialloblu che, assieme al gonfalone della città ed alle Istituzioni, dallo scalone del palazzo comunale, hanno avviato il corteo che offre ceri ed olio alla lampada che nella cripta del Duomo arde perennemente davanti al sepolcro del Santo Vescovo.In Duomo, col sepolcro scoperto per la devozione e le preghiere dei fedeli, si è svolta la Messa pontificale, la prima dell’arcivescovo Erio Castellucci autore di una lettera alla città apprezzata e condivisa, santa messa a cui come ogni anno erano presenti anche le delegazioni di Pontremoli e di San Geminiano, in una sorta di scambio di visite tra città che condividono lo stesso Santo Patrono. Un mix tra sacro e profano che, oltre alle cerimonie ufficiali culminate con la benedizione, hanno portato tantissimi modenesi in  centro perché la tradizione deve essere rispettata e le bancarelle, 520 in tutto, visitate.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche