Martedì 06 Dicembre 2016 | 18:54

A BARCELLONA NEL 2017 APRIRA’ IL FERRARI LAND

Svelati in Spagna i particolari del nuovo parco tematico che occuperà un’area di 60.000 m²


In Spagna, come in tutto il mondo amano le rosse di Maranello, così tanto da dedicare al Cavallino Rampante anche un parco tematico. Ferrari Land andrà ad aggiungersi all’offerta del PortAventura World Parks & Resort, la destinazione europea con il più elevato numero di parchi tematici. L’area ispirata alla Ferrari, che prevede un investimento di circa 100 milioni di euro, occuperà 60.000 m² e sarà dotato di molte nuove attrazioni emozionanti per la gioia dei fan del marchio Ferrari. I lavori di costruzione del Parco dovrebbero completarsi entro la fine del 2016 per consentire l’apertura dei battenti nel 2017. Attualmente, PortAventura è uno dei parchi di divertimento più visitati in Europa, quindi c’è da scommetterci: la nuova partnership con il Cavallino permetterà all'area di ottenere risultanti ancora migliori. Ma entriamo nel dettaglio di come sarà il Ferrari Land. A fare subito colpo sarà ‘l’acceleratore verticale’, un impianto da 112 metri che batterà ogni record, diventando la montagna russa più alta d’Europa. A bordo l’adrenalina sarà al massimo: i passeggeri proveranno le stesse sensazioni di una corsa di Formula 1, raggiungendo in soli 5 secondi un’accelerazione di 180 km/h. Saranno inoltre immediatamente spinti nel massimo punto d’altezza e quindi fatti cadere nel vuoto con un’inclinazione massima di 90°. Per chi sogna invece di fare una gara automobilistica, non potrà esimersi dal provare il circuito di 570 metri, simulando i brividi di un gran premio. PortAventura rivela dunque per la prima volta una serie di immagini inedite del futuro parco dedicato alle rosse di Maranello, pensato per tutta la famiglia che attualmente accoglie circa 4 milioni di visitatori all’anno, il 50% dei quali di provenienza internazionale.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche