Mercoledì 07 Dicembre 2016 | 09:37

BANDA DELLE SLOT IN APPENNINO: DOPO PAVULLO TOCCA A MONTESE

Allarme criminalità in Appennino: nuovo assalto ai videopoker


Due assalti ai videopoker in due giorni: è allarme criminalità in Appennino, dove si pensa ormai che ci sia in giro una banda specializzata in questo tipo di colpi, su cui stanno indagando i carabinieri. Dopo l'irruzione nella notte tra domenica e lunedì nel bar “Insonnia” in via Serra di Porto, a Pavullo nel complesso che ospita anche il bocciodromo, la notte scorsa è toccato al “Gran Bar 2003” di Montese, situato in via Panoramica nel cuore del paese, praticamente di fronte al municipio. Qui i ladri hanno scassinato la porta d'ingresso e una volta dentro hanno puntato dritto alle tre macchinette slot e alla scambiamonete, svuotandole. Difficile quantificare il bottino, perché gli apparecchi erano in gestione a una ditta di Modena attesa domani in paese per i rilievi, ma si presume comunque che sia dell'ordine di quello di Pavullo, tra i 4 e i 5mila euro. La banda ha poi scassina il registratore di cassa, prelevando circa 500 euro, e fatto man bassa dei gratta e vinci, portando via tutto quello che trovava a portata di mano per un valore di  quasi 600 euro. I gestori, che avevano chiuso il locale all'1.30, si sono accorti dell'irruzione questa mattina alla riapertura delle 5: fortunatamente non ci sono stati atti vandalici, ma l'esasperazione è forte, perché si tratta del terzo assalto alle slot in un anno e mezzo, e in paese sale la preoccupazione. Nessun aiuto per le indagini dei carabinieri da parte delle telecamere di videosorveglianza, perché il locale era sprovvisto di sistema di allarme.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche