Domenica 04 Dicembre 2016 | 15:11

UN CARPIGIANO A PARIGI: ‘’SABATO MATTINA UN SILENZIO IRREALE’’

“Le persone si guardavano negli occhi reciprocamente. Poi la città ha ripreso a pulsare. Dei francesi mi ha colpito la profonda unità”


Stava andando a trovare la sua fidanzata e mai avrebbe pensato di dover fare i conti con una città sotto assedio. Emanuele Sconociuto ha 26 anni, è carpigiano, lavora come ingegnere e venerdì sera, mentre andava in scena il massacro, si trovava su un treno diretto a Parigi. Che qualcosa fosse successo lo ha capito quando sul cellulare hanno cominciato ad arrivargli messaggi in cui gli si chiedeva se stesse bene.

Al momento degli attacchi, la sua ragazza – marchigiana che insegna Italiano a Parigi – si trovava fortunatamente in casa. Arrivato a Parigi, Emanuele ha trovato una città ancora scossa, un silenzio quasi irreale.

Poi, piano piano, racconta il carpigiano, la città ha ripreso ad animarsi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche