Domenica 04 Dicembre 2016 | 15:13

CARNI CANCEROGENE? PARLA L’ESPERTO

“Limitare il consumo di carne rossa e ridurre al minimo la carne lavorata. Ma il salume con moderazione si può”


Carne rossa non più di due volte a settimana ed evitare – o quantomeno ridurre al minimo – quello di carne lavorata, come prosciutti, zampone, salsicce o anche ragù. Questo il diktat che arriva dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha inserito, appunto, le carni rosse e quelle lavorate tra le sostanze che possono causare il cancro. In particolare, secondo uno studio dell’Oms, mangiare ogni giorno un etto di carne rossa (ad esempio maiale, manzo o vitello) aumenterebbe del 17% la possibilità di insorgenza di tumore al colon, mentre basterebbero 50 grammi al giorno di carne lavorata (vale a dire affumicata, esiccata, trattata con conservanti o anche solo salata) per aumentare del 18% il rischio di cancro. Dati, questi, che mettono in allarme i consumatori di mezzo mondo. Lo studio dell’Oms, insomma, rivela una correlazione non così solida, peraltro già individuata da altre precedenti ricerche.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche