Lunedì 05 Dicembre 2016 | 05:25

IL PRIMO GIORNO DEL VESCOVO CASTELLUCCI: ''MI SENTO A CASA''

Modena abbraccia, prima con la pioggia e poi con il sole il nuovo Vescovo. Bagno di folla per l’ingresso in Duomo di Erio Castellucci


“Mi sono sentito subito a casa”. Queste le prime parole del pomeriggio modenese per Erio Castellucci iniziato alla chiesa San Carlo, visto che la pioggia non a permesso lo svolgimento dell' appuntamento in piazza Roma, per l'incontro con le autorità. Tanti applausi e pubblico in piedi all'ingresso del nuovo Vescovo. Don Erio come ama essere chiamato ha detto che la Chiesa deve incontrare gli uomini nella vita di tutti i giorni, dove nascono e muoiono per portare il vangelo e praticarlo. Non va dimenticato nessuno e se ci sono degli scarti vuol dire che qualcuno gli ha scartati. L'accoglienza non deve essere solo una parola. E proprio su questo tema così importante le autorità hanno sottolineato come Modena sia pronta a collaborare con la diocesi, sull’urgente tema dell’aiuto ai rifugiati politici. Ci vuole uno scatto morale sulla solidarietà per guardare lontano senza cullarsi nel passato facendosi prendere dallo sconforto. Autorità e Vescovo vogliono percorrere assieme la strada dell'aiuto agli ultimi. Il Vescovo Geminiano che in nave, affronta la tempesta per andare a Costantinopoli a guarire la figlia dell’imperatore Gioviano, posseduta dal demonio. E poi, liberata la principessa, torna a Modena con i doni dell’Imperatore. E’ questa l’immagine di uno dei bassorilievi della Porta dei Principi del Duomo di Modena la cui riproduzione è stata donata dal Comune al nuovo vescovo. Poi è stato il momento dell’ingresso in Duomo baciato dai raggi del sole. Erio Castellucci è stato accolto non solo dai fedeli modenesi, ma anche dai tanti romagnoli che a Forlì hanno saputo amare l’opera di questa persona semplice che ha dimostrato di saper parlare direttamente al cuore.
La cattedrale di Modena, di colpo è diventata troppo piccola, per le tantissime persone che volevano dare un segnale di vicinanza e benvenuto a Monsignor Castellucci. Durante la giornata il Vescovo ha parlato del servizio che è cifra della vita cristiana, ma ha origine dal mettersi ai piedi di Gesù, ascoltando la sua Parola. Ascolto e servizio sono connessi, perché la sola azione, senza ascolto sarebbe affanno, mentre l'ascolto di Gesù, il primo servizio, trasmette agli altri servizi la gioia. Benvenuto fra noi Don Erio.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche