Lunedì 05 Dicembre 2016 | 19:37

ASSEMBLEA CONFCOMMERCIO, CRITICHE E FISCHI PER MATTEO RENZI

Molte le critiche rivolte al presidente del consiglio, il numero uno dei commercianti Carlo Sangalli ha parlato di ripresa lenta e senza slancio mentre dalla platea piovevano numerosi fischi. Contestazioni anche per il bonus di 80 euro, tema tornato alla ribalta in questi ultimi giorni

BANCHE, RENZI AFFIDA A CANTONE LA GESTIONE DEGLI ARBITRATI

"Fischiatemi pure ma io difendo la buona politica".  Potrebbe essere questa la sintesi del discorso di Matteo Renzi all'assemblea annuale di Confcommercio. Il premier è stato infatti attaccato con un duro intervento dal presidente dei commercianti Carlo Sangalli, mentre numerosi fischi si levavano dalla platea durante il suo discorso. "Siamo di fronte ad una ripresa senza slancio e senza intensità, l'Italia ha ancora molta strada da fare, ha le carte in regola per fare meglio ma la crisi non è solo un brutto ricordo", ha tuonato dal palco Sangalli. Parlando alla platea il premier ha rivendicato la scelta di non ritoccare l'Iva per la crescita nel 2017, precisando che il governo da lui presieduto non l'ha mai aumentata da quando è in carica. A farla da padrona nella conferenza tenutasi a Roma un altro tema caldo tornato alla ribalta in questi giorni, ovvero il bonus di 80 euro.  "Che non fossero apprezzati da voi lo sapevamo da tempo, ma che fossero una misura di giustizia sociale verso gente che non guadagna 1500 euro al mese lo rivendico con forza", ha detto Renzi rivolgendosi ai commercianti che contestavano la misura attuata dal governo. In queste giornate, che hanno visto il premier e il Pd in difficoltà per i risultati elettorali, c'è chi fuori dall'assemblea rincara la dose: "ormai non gli crede più nessuno" ha commentato Beppe Grillo riferendosi alle contestazioni dei commercianti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche