Venerdì 09 Dicembre 2016 | 16:21

STUDIO BRITANNICO: ITALIA FUORI DAL G8 ENTRO IL 2030

"L'Italia fuori dal G8 entro il 2030". Questo il verdetto del Center for economics business and reasearch britannico sul destino a medio termine dell'economia italiana

STUDIO BRITANNICO: ITALIA FUORI DAL G8 ENTRO IL 2030

"L'Italia fuori dal G8 entro il 2030". E' questo il verdetto con cui il Center for Economics Business and Research mitiga i sogni di ripresa del Belpaese. Gli ultimi mesi di questo 2015 ormai agli sgoccioli sono stati contraddistinti da una serie di segnali incoraggianti per quel che riguarda l'economia nazionale. La ripresa dei consumi, l'inaugurazione di nuove infrastrutture e la fiducia del settore industriale e dei consumatori sono state accompagnate spesso da proclami da parte delle autorità politiche, ma non sono mancati i fulmini a ciel sereno, originatisi spesso al di fuori dai confini nazionali. Questa volta il monito ha un sapore decisamente amaro.  I tecnici britannici del centro di ricerca prevedono che l'Italia scivolerà al tredicesimo posto nel panorama globale delle economie. Il Belpaese a è attualmente l'ottava economia su scala globale e siede a pieno titolo al tavolo dei grandi il G8. A pesare sul verdetto emesso oltremanica sono gli scarsi progressi in termini di crescita, giudicata troppo piatta per un paese ormai storicamente collocato tra le realtà planetarie più avanzate. Non bisogna poi dimenticarsi, ammoniscono da Londra, che l'Italia detiene il secondo debito pubblico più alto nell'area euro, al 132%, secondo solo a quello che grava sull'economia della Grecia. Anche per la Francia le prospettive non sono rosee, le previsioni stimano che entro il 2030 sarà la nona economia globale. I problemi con cui devono convivere attualmente Francia e Italia si riflettono inevitabilmente all'esterno. Se lo studio condotto dagli inglesi troverà riscontri effettivi nella realtà, l'uscita di Italia e Francia dal G8 potrà tradursi in importanti ripercussioni geopolitiche. Più in generale lo studio è condotto dal Center for Economics Business  a livello globale. Le stime prevedono che la Cina supererà gli Stati Uniti, collocandosi sul gradino più alto del podio delle più grandi economie planetarie, e che la gran Bretagna si attesterà in quarta posizione. Anche il Brasile sarà protagonista di una crescita importante, stimato in quinta posizione, e soprattutto l'India, la possibile futura terza economia planetaria. Per avere un'idea del quadro politico economico dei prossimi quindici anni, tuttavia, è necessario disporre di una visione ad ampio raggio che consideri anche altre variabili future, come ad esempio la Brexit, la ventilata uscita dall'Unione Europea della Gran Bretagna, non sempre vista come garanzia di un'importante crescita economica per i sudditi della regina Elisabetta.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche