Venerdì 09 Dicembre 2016 | 12:35

VATILEAKS2: IL CASO DELL’ATTICO DI BERTONE, MA IL PAPA È SERENO

Non solo l'attico di Tarcisio Bertone ma anche le case cinquecentesche di cardinali che vivono nel lusso più sfrenato. Vatileaks 2 ha provocato un terremoto che fa emergere ogni giorno nuovi particolari sulla vita sfarzosa condotta presso la Curia

VATILEAKS2: IL CASO DELL’ATTICO DI BERTONE, MA IL PAPA È SERENO

La voragine che si è aperta in Vaticano e passata alle cronache con il nome di Vatlileaks 2, sembra allargarsi ogni giorno di più. Dopo l’arresto dei due presunti corvi, che hanno portato all’esterno della Santa Sede notizie riservate, la polemica ora si è spostata sul caso del superattico del cardinal Bertone. Stando al racconto del giornalista de L'Espresso Emiliano Filippaldi – autore di uno dei due libri finiti al centro dello scandalo -  pare che l'edificio sia stato restaurato con i soldi provenienti dal Bambino Gesù di Roma, il più grande ospedale pediatrico a livello europeo. Quei soldi avrebbero dovuto essere versati di diritto per garantire la cura dei pazienti ricoverati presso la struttura.  Secondo quanto scrive Gianluigi Nuzzi nell’altro libro  pietra dello scandalo, peraltro, moltissimi altri cardinali vivono in condizioni di lusso non inferiori a quelle di Bertone, con tanto di suore missionarie al seguito nel ruolo di colf o cuoche. Nuzzi dice espressamente che il superattico di Bertone è la regola e non l’eccezione. Tutto questo negli anni del pontificato di Papa Francesco che nel luglio del 2013 aveva affermato di sentirsi a disagio alla sola vista di un prete o di una suora alla guida di una macchina di ultima generazione.  Il portavoce Vaticano Padre Lombardi smorza i toni: “Il Papa è sereno – ha detto oggi -, le inquietanti notizie trapelate nell'ambito di Vaticanleaks 2 sono già state superate dal pontificato riformatore messo in atto dallo stesso Bergoglio.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche