Martedì 06 Dicembre 2016 | 01:50

ISTAT: PIL ITALIA POSITIVO. SQUINZI: NON E’ VERA RIPRESA

I dati divulgati dall'Istituto nazionale di Statistica confermano il trend positivo per la ripresa dell'economia italiana. Un impercettibile 0,2%, in termini di Pil, per il secondo trimestre dell'anno e che farebbe ben sperare. Plaude ai dati il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan mentre frena invece Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria, secondo cui il dato non dà conferma di una vera e propria ripartenza.

ISTAT: PIL ITALIA POSITIVO. SQUINZI: NON E’ VERA RIPRESA

Nel secondo trimestre di quest’anno il Pil dell’Italia è cresciuto dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dello 0,5% nel confronto con lo stesso periodo del 2014. La fotografia dello stato di avanzamento della crescita in Italia arriva dall'Istat, che nelle sue stime preliminari sul prodotto interno lordo rende noto che il dato è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel settore dell'agricoltura, di un aumento nei servizi, e di una variazione nulla nell'insieme dell'industria. Ottimista il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan: “Il Pil del secondo trimestre si conferma come da attese”, spiega. Inoltre, dopo 13 trimestri consecutivi di calo tendenziale – dice – il Paese ha due trimestri di crescita”. Poi la correzione: "L’Italia può e deve fare di meglio, riforme strutturali e la politica economica favoriranno l'accelerazione". Molto più cauto è invece il presidente degli industriali Giorgio Squinzi. "E’ quello che ci aspettavamo – commenta –, purtroppo si tratta della conferma che non c’è una ripartenza vera". Il presidente di Confindustria fa notare che l'anno è diviso in quattro trimestri e che non possiamo fare festa per dati leggermente positivi che riguardano solo la prima parte. "Se la seconda parte dell'anno non andrà meglio – sottolinea Squinzi – saranno guai".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche