Martedì 06 Dicembre 2016 | 03:52

Napoli, donna avvelena il figlio e poi si uccide

Sono stati ritrovati privi di vita, sul letto della loro abitazione

Napoli, donna avvelena il figlio e poi si uccide

Una donna e il piccolo figlio di due anni sono stati trovati morti nella loro abitazione di Melito, in provincia di Napoli. Secondo la ricostruzione presentata dai Carabinieri di Giugliano, altra località della provincia, intervenuti sul posto, Anna Esposito (32 anni) avrebbe avvelenato il figlio e poi si sarebbe suicidata con un coltello. I due erano infatti sporchi di sangue, ma solo sulla donna sono stati rilevati segni di violenza. A trovarli sono stati il fratello e la sorella della suicida, che si sono introdotti nell'abitazione utilizzando le chiavi dei vicini di casa, mentre hanno dovuto forzare la porta interna che li separava da madre e figlio, trovati insieme distesi sul letto. La donna lavorava in una fabbrica di Melito e si era da poco separata dal marito. Il gesto, che secondo gli investigatori è stato premeditato, potrebbe ricollegarsi a questa separazione, che negli ultimi tempi aveva segnato particolarmente la vita di Anna Esposito

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche