Mercoledì 07 Dicembre 2016 | 17:19

SCUOLE D'INFANZIA: MARCONI, CIMABUE E TONIOLO IN FONDAZIONE CRESCI@MO

I tre istituti sono state individuati incrociando due criteri: l’attuale numero di posti vacanti per quanto riguarda il personale educativo e il principio della territorialità

SCUOLE D'INFANZIA: MARCONI, CIMABUE E TONIOLO IN FONDAZIONE CRESCI@MO

Da settembre 2016 entreranno a far parte della Fondazione Cresci@mo anche le scuole d’infanzia Marconi, Cimabue e Toniolo. Lo stabilisce la delibera approvata dalla Giunta comunale di Modena oggi, martedì 10 maggio.

Le tre scuole, che vanno ad aggiungersi alle altre sette già gestite dalla Fondazione, sono state individuate incrociando due criteri: l’attuale numero di posti vacanti per quanto riguarda il personale educativo, poiché più alto è il numero di precari e minore è la possibilità di garantire la continuità didattica, e il principio della territorialità, in base al quale si cerca di avere una distribuzione omogenea sul territorio di scuole comunali, statali, convenzionate e della Fondazione Cresci@mo per offrire alle famiglie un’adeguata diversificazione dell’offerta formativa.

A dare mandato alla Giunta di stabilire quali ulteriori scuole trasferire alla Fondazione Cresci@mo è stato il Consiglio attraverso la delibera approvata lo scorso 9 maggio. I presidenti dei Consigli genitori e il personale delle tre scuole interessate sono già stati avvertiti; ora l’Amministrazione comunale dovrà definire le azioni per avviare regolarmente l’attività delle scuole, come espressamente indicato dal Consiglio comunale e attraverso il coinvolgimento del personale scolastico e delle famiglie.

Il rafforzamento della Fondazione Cresci@mo si inserisce nell’ambito del più ampio progetto per i servizi educativi del Comune di Modena che parte dai bisogni espressi dalle famiglie e si basa sull’introduzione di servizi innovativi e flessibili nei nidi, sulla sperimentazione di aperture oltre l’attuale calendario e su una riduzione, in un’ottica di maggiore equità, delle rette dei nidi, soprattutto a vantaggio delle famiglie più svantaggiate. Lunedì 9 maggio l’assessore alla Scuola Gianpietro Cavazza e le dirigenti del settore Istruzione del Comune hanno illustrato al Coordinamento Consigli delle Scuole dell’Infanzia il nuovo Piano per i servizi educativi e il percorso per la sua attuazione. 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche