Venerdì 09 Dicembre 2016 | 06:47

18 MARZO: SCIOPERO GENERALE DEI SINDACATI DI BASE

Sciopero nazionale di tutte le categorie pubbliche e private per l'intera giornata di domani. A Modena e provincia saranno in sciopero in particolare gli insegnanti e il personale Ata delle scuole, i trasporti e il personale delle poste

18 MARZO: SCIOPERO GENERALE DEI SINDACATI DI BASE

La Cub, Confederazione Unitaria di Base, ha proclamato, insieme con altri sindacati di base (Si.Cobas, Usi-Ait, ecc), uno sciopero generale per venerdì 18 marzo, sciopero che riguarda tutte le categorie del pubblico e del privato. A Modena e provincia saranno in sciopero in particolare gli insegnanti e il personale Ata delle scuole, i trasporti e il personale delle poste.

Lo sciopero è contro l’annunciato intervento militare in Libia, ma anche contro tutte le misure di austerità messe in campo da Renzi e dalle amministrazioni locali: dalla privatizzazione dei trasporti, della sanità e della scuola fino ai pesanti tagli ai servizi sociali.

In particolare a Modena gli insegnanti e il personale Ata sciopereranno per rimarcare la necessità di continuare a opporsi alla cosiddetta “Buona Scuola” voluta da Renzi e dalla ministra Giannini: una controriforma dell’istruzione che sta facendo sentire pesantemente in suoi effetti sulla qualità dell’istruzione pubblica. Tra gli aspetti della “riforma” che i docenti e i lavoratori della scuola contestano ci sono: l’aumento spropositato delle ore di alternanza scuola-lavoro, la gerarchizzazione del personale docente (con i “Comitati di valutazione”), i tagli dei finanziamenti pubblici, la chiamata diretta dei dirigenti scolastici.

Saranno in sciopero anche i precari della scuola che protestano contro il concorso-truffa, che penalizzerà docenti e insegnanti specializzati che da anni insegnano nelle scuole: gli anni di servizio hanno un peso minimo mentre si richiedono competenze linguistiche spropositate. 

Sono sul piede di guerra in particolare i diplomati magistrali che, nonostante il riconoscimento del valore abilitante del loro diploma, sono stati esclusi dalle graduatorie ad esaurimento e quindi non sono stati inseriti nel recente piano di assunzioni:  un vero e proprio accanimento del governo nei loro confronti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche