Mercoledì 07 Dicembre 2016 | 13:28

APPALTI PUBBLICI, A MODENA ALTO IL RISCHIO IRREGOLARITÀ

Cgil: nei primi sei mesi dell’anno, su 316 aggiudicazioni per lavori, forniture e servizi, 94 sono avvenute con “procedura negoziata senza bando”

APPALTI PUBBLICI, A MODENA ALTO IL RISCHIO IRREGOLARITÀ

Appalti pubblici pilotati, appalti pubblici affidati a imprese poco raccomandabili o addirittura al buio, appalti pubblici troppo esposti al rischio di irregolarità o infiltrazioni mafiose. L’operazione Aemilia sembra non aver insegnato niente. A Modena, nel 2015, la situazione è ancora questa. E’ quanto emerge da uno studio sugli appalti pubblici effettuato dalla Cgil. Nella nostra provincia le buone pratiche stentano a prendere quota. Nei primi sei mesi dell’anno, su 316 aggiudicazioni per lavori, forniture e servizi, 94 sono avvenute con “procedura negoziata senza bando”: ossia, l’impresa è stata selezionata senza indire nessuna gara. Ma anche quando il bando viene pubblicato si fa poco per evitare rischi: la modalità di aggiudicazione attraverso il “massimo ribasso”  - che, a parole, tutte le istituzioni dicono di voler limitare – è ancora largamente utilizzata. Sempre nel primo semestre 2015, Comune di Modena, Usl, Enel, Hera e altri hanno praticato ribassi dal 20 al 40% e in alcuni casi persino superiori. Tanti anche i subappalti: catene nelle quali i controlli possono poco ed è più facile infilare lavoro nero o imprese ‘amiche’. In Emilia-Romagna, in media, vi si ricorre in un appalto su due. Infine, resta il problema dell’eccessivo numero di stazioni appaltanti: più ce ne sono, più si moltiplicano i rischi di irregolarità. Anche qui, a dispetto delle belle parole, in provincia di Modena, a fronte di 47 Comuni, sono ben 141 gli enti pubblici che bandiscono appalti. Le criticità, insomma, sono ancora tante. L’operazione Aemilia non ha insegnato niente.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche