Sabato 03 Dicembre 2016 | 14:40

Confindustria, lunedi’ si vota la fusione Modena-Bologna-Ferrara

Del progetto non faranno parte gli industriali di Reggio Emilia

Confindustria, lunedi’ si vota la fusione Modena-Bologna-Ferrara

Lunedì prossimo sarà un giorno storico per il mondo imprenditoriale di Modena. All’assemblea generale di Confindustria, riunita al Forum Monzani, sarà infatti illustrato e sottoposto al voto il progetto di fusione con Unindustria Bologna e Unindustria Ferrara. Le tre associazioni diventeranno una cosa sola, che si chiamerà Confindustria Emilia e diventerà effettivamente operativa a partire dal primo gennaio 2019. Il via libera al protocollo d’intesa è già arrivato, nelle scorse settimane, dalle assemblee di Bologna e Ferrara e l’ok di Modena è l’ultimo tassello necessario prima di poter passare dalla fase preliminare a quella sostanziale. Del progetto, invece, è confermato che non faranno parte gli industriali di Reggio Emilia, che in un primo tempo erano stati coinvolti – c’erano loro, e non i ferraresi –, ma che poi hanno deciso di defilarsi e starne fuori, preoccupati di venire risucchiati dalla calamita Bologna e di perdere così in termini di autonomia decisionale. Confindustria Emilia, insomma, sarà un’organizzazione unica a tre teste: Modena, Bologna e Ferrara. L'obiettivo della fusione – fortemente sollecitata da Roma – è prima di tutto quello di risparmiare denaro, ma ci sono anche ragioni di tipo operativo, con tessuti imprenditoriali vicini che devono imparare a fare più sistema tra loro. Non a caso, all’assemblea generale di lunedì, il dibattito del giorno verterà sulla competitività delle medie imprese nei mercati internazionali. Come a dire che nel mondo globalizzato chi non fa squadra rischia di restare tagliato fuori.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche