Sabato 10 Dicembre 2016 | 23:18

Stupro di gruppo, il pm chiede l’assoluzione per tutti

La vicenda aveva scosso la città

Stupro di gruppo, il pm chiede l’assoluzione per tutti

Assoluzione perché il reato non sussiste. E’ la richiesta a sorpresa da parte del Pm di Modena Mariangela Sighicelli in relazione al presunto stupro di gruppo che vedeva alla sbarra sei giovani della Modena bene ed è probabilmente l’atto finale della vicenda denunciata nell'ottobre 2013 da una liceale sedicenne modenese e in seguito da lei confermata anche in sede di deposizione durante l'incidente probatorio: nell’agosto di due anni fa, al termine di una serata a bordo piscina nella villa di un suo conoscente, quando il suo tasso alcolico era già elevato, sarebbe stata portata nello spogliatoio e violentata mentre altri controllavano che gli amici non si avvicinassero. Un racconto che il sostituto procuratore in un primo momento aveva ritenuto fondato e per il quale aveva chiesto il processo per i giovani della “Modena bene” dai 21 ai 19 anni. Tutti modenesi incensurati. Più un 17enne, ora maggiorenne per il quale il caso è passato all Tribunale dei Minori di Bologna. L’accusa aveva affermato che tre di loro avrebbero praticato violenza sessuale sulla minorenne, uno di questi arrivò allo stupro vero e proprio, mentre due loro amici avrebbero fatto da “palo” e le eventuali condanne, pesanti, sarebbero andate dai 6 ai 12 anni di reclusione. Si archivia così, a meno di colpi di scena di scena e dopo un lungo periodo di indagini condotte dai carabinieri ed un processo condotto sia fuori che dentro la città, una scabrosa vicenda che ha scosso tutta Modena

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche