Giovedì 08 Dicembre 2016 | 08:53

Strade pericolose, il comune corre ai ripari

Ieri l’ennesimo ciclista investito all’angolo tra via Corassori e viale Italia

Strade pericolose, il comune corre ai ripari

Più controlli sulla velocità lungo viale Italia. Il giorno dopo l’ennesimo incidente che ha visto un giovane ciclista investito da un’auto con gravi conseguenze, il Comune di Modena corre ai ripari. E’ l’assessore alla Mobilità Gabriele Giacobazzi ad annunciare nuovi interventi sulla strada che costeggia il parco Ferrari e arriva fino all’imbocco della tangenziale. Saranno potenziati i controlli sulla velocità e la segnaletica che indica la pericolosità degli attraversamenti. “L’unica soluzione possibile per limitare gli incidenti”, secondo Giacobazzi. Quello del giovane ciclista investito ieri è solo l’ultimo di una lunga serie di episodi avvenuti su viale Italia: il giorno di Pasquetta, un ragazzo di 15 anni, Matteo Testoni, ha perso la vita travolto da una moto mentre a bordo della propria bicicletta attraversava la strada all’altezza di via degli Schiocchi. “Insisteremo sulla necessità di ridurre la velocità nel rispetto delle regole della strada”, ha detto l’assessore, secondo cui proprio la velocità è spesso l’elemento discriminante degli incidenti. E in questo senso va anche un altro provvedimento messo in cantiere dal Comune: la riduzione del numero di corsie del cavalcavia Cialdini. Quelle in direzione periferia passeranno da due a una, con la realizzazione di un tratto ciclopedonale, tornando nuovamente due in corrispondenza della rotatoria.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche