Giovedì 08 Dicembre 2016 | 08:49

Cpl concordia esclusa dalla white list

Lo ha deciso il prefetto, in seguito all’inchiesta per presunta corruzione che coinvolge la cooperativa

Cpl concordia esclusa dalla white list

Una nuova tegola si abbatte su soci e lavoratori della Cpl Concordia: la cooperativa è stata esclusa dalla white list, l’elenco delle imprese considerate immacolate rispetto ad infiltrazioni mafiose. E dunque, fino a nuovo ordine, non potrà partecipare a gare d’appalto pubbliche. Ora una chance di salvezza è rappresentata dall’assemblea dei soci in programma mercoledì che rinnoverà in toto i vertici, proprio per dare un segnale di azzeramento rispetto al passato. La decisione di estromettere la Cpl dalla white list risale a venerdì pomeriggio, quando il prefetto di Modena, Michele Di Bari, ha firmato il provvedimento di mancato rinnovo dell’iscrizione all’elenco. A darne notizia, ieri, tramite una nota stampa, è stata la stessa azienda, da un mese al centro dell’attenzione mediatica per l’inchiesta sul presunto sistema corruttivo messo in piedi per aggiudicarsi i lavori di metanizzazione dell’isola di Ischia. Della possibile esclusione dalla white list si parlava da tempo e ora c’è grande timore per il futuro di una cooperativa che ha alle spalle 116 anni di storia e un presente con 1.800 lavoratori, di cui poco meno della metà soci. I cantieri in essere sono salvi, ma al committente è data la facoltà di recedere. Ieri, dopo che la Cpl aveva informato gli amministratori locali delle ultime novità, si è tenuto un vertice davanti al prefetto al quale hanno partecipato l’assessore regionale alle Attività produttive Palma Costi, il presidente della Provincia Giancarlo Muzzarelli, i sindaci di Concordia e San Possidonio, Luca Prandini e Rudi Accorsi, e il responsabile dell’Unione Area Nord, Alberto Silvestri. A Di Bari le istituzioni hanno sottolineato l’importanza di garantire la continuità dei lavori affidati alla Cpl e la salvaguardia dei livelli occupazionali. Gli amministratori confidano molto nell’assemblea di mercoledì, quando i soci della cooperative eleggeranno un nuovo presidente e un nuovo consiglio d’amministrazione. Un rinnovamento che potrebbe essere il viatico per la riammissione alla white list. Ma c’è anche l’ipotesi del commissario prefettizio.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Tv Qui

Caratteri rimanenti: 400

i più letti

Ti potrebbe interessare anche